Von Gloeden fotografa Taormina: i suoi scatti renderanno nota la città

Von Gloeden fotografa Taormina

Arrivatovi nelle vesti di pittore, nel 1878 Von Gloeden fotografa Taormina. Non immagina ancora che i suoi scatti renderanno nota la città in tutto il mondo.

Chi è August von Gloeden

Conosciuto anche come “barone Guglielmo“, Von Gloeden era malato di tubercolosi. Giunto a Taormina, deciderà di aprire un atelier e inizierà a esercitare l’attività di fotografo; gran parte degli scatti da lui realizzati aveva come soggetti dei ragazzi nudi…

Da un lato, il nudismo caratteristico della sua fotografia veniva fortemente criticato dai cittadini del Paese. Dall’altro, proprio questa particolarità attirerà numerosi artisti che decideranno di visitare la città di Taormina per ammirare dal vivo ciò che Von Gloeden ritraeva.

Tra le figure di spicco che apprezzarono le sue opere ricordiamo Oscar Wilde, Gabriele D’Annunzio e perfino l‘imperatore Guglielmo II.

Von Gloeden fotografa Taormina

Il contributo delle sue opere al prestigio della città

Le opere del barone riscossero grande successo. Tanto che i paesaggi e i soggetti ritratti nelle sue foto contribuirono a incrementare il prestigio di Taormina.

Nonostante questi lavori fossero giudicati scandalosi da molti, numerose riviste accetteranno di pubblicarli. Tra queste, anche il National Geographic Magazine.

La città venne presto resa nota a tutto il mondo. Di conseguenza, si popolò di artisti e rinacque grazie al turismo.

Le stampe del barone

August von Gloeden muore nel 1931 a Taormina. Proprio come da suo desiderio: “A Taormina volevo vivere e morire“.

Fu il suo assistente Pancrazio Buciunì a ereditare stampe e lastre del fotografo. Il tuttofare aprì un negozio in cui vendeva le foto del barone.

Tuttavia, gran parte delle opere andarono poi perdute. Molte di queste bruciate durante il periodo nazista.

Per quanto riguarda le stampe ancora in circolazione, alcune sono attualmente custodite da istituzioni pubbliche. Come il Civico Archivio Fotografico di Milano. Tante sono entrate a far parte di collezioni private.

Per altre curiosità su Taormina visita il nostro blog.